Il mondo in cui viviamo è ormai connesso in tutti, o quasi, i suoi aspetti: l’informazione è accessibile pressoché ovunque. E prima o poi anche i bagni pubblici potrebbero essere accessoriati con sistemi informativi intelligenti, come dimostra un prototipo di specchio a cui sta lavorando la NYTlabs – divisione di ricerca e sviluppo del quotidiano New York Times.

Il dispositivo, conosciuto anche come «specchio magico», è basato sul sistema di riconoscimento dei movimenti Microsoft Kinect, in grado di cogliere i segnali fisici inviati da chi si trova dinnanzi, ed è munito di un dispositivo per la captazione delle parole. Così, come dimostrano diversi video online, l’utente può interagire con questi specchi magici in stile Biancaneve (ricordate il famoso “Specchio, specchio delle mie brame…”?).

Andando a sostituire i tradizionali specchi all’interno dei bagni pubblici, questo dispositivo potrà essere utilizzato per consultare le news, guardare video ma anche inviare messaggi ed effettuare acquisti online. Il tutto mentre ci si lava le mani o ci si rifà il trucco.

A qualcuno potrebbe intrigare questa novità tecnologica, altri invece temono per la propria privacy ritenendo gli specchi magici troppo invadenti. Ad ogni modo è inutile preoccuparsi adesso, visto che dovrà ancora passare del tempo prima di un loro eventuale debutto.

Ciò che invece oggi si può fare è continuare ad apprezzare i validi accessori Mar Plast per i bagni pubblici, la cui presenza discreta offre all’utente il necessario per prendersi cura di ogni aspetto igienico legato alla fruizione delle toilette. Realizzati con materiali solidi e meccanismi efficienti, i prodotti a marchio Mar Plast sono una garanzia di modernità e praticità all’interno dei servizi igienici di uffici, attività di ristorazione, palestre e altri luoghi pubblici.